January 29, 2008

Meglio votare subito

Pare ormai quasi certo: si va al voto. Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini non hanno lasciato molto spazio ad altre ipotesi. D’altra parte, il primo, in materia di riforme, ha detto una cosa che mi sembra abbastanza ovvia: «Non abbiamo cambiato idea. Ma non è possibile pensare di attuare riforme importanti in tempi brevi». E chi si esprime diversamente farebbe bene a rifletterci su un po’ meglio—a meno che non dica una cosa e ne pensi un’altra, per motivi che non voglio indagare …

Certo, forse una “riformetta,” frutto di un semplice gentlemen agreement, che rimettesse il voto di preferenza o introducesse qualche altro ritocco ci potrebbe anche stare, accontentando chi proprio non riesce a digerire il “porcellum.” Ma, nella situazione disastrata del dibattito politico attuale, la cosa sembra piuttosto utopistica. Dunque, meglio votare.

Quel «non abbiamo cambiato idea», in ogni caso, è importante, perché significa che, secondo il capo di Forza Italia (o come si deve chiamare, al momento, il suo partito), dopo le elezioni il dialogo con Veltroni può e deve continuare. Questo, personalmente, credo sia l’essenziale. E Walter Veltroni, a mio avviso, farebbe bene ad accontentarsi della prospettiva, senza chiedere agli avversari ciò che lui stesso, al loro posto, con ogni probabilità non potrebbe né vorrebbe concedere.



Recommend this post on Google!


Related Posts with Thumbnails